Lucchini-Cevital: adesso il matrimonio s’ha da fare

(da: Corriereetrusco.it)

(da: Corriereetrusco.it)

Via libera del governo al passaggio di Lucchini, stabilimento siderurgico di Piombino, al gruppo algerino Cevital, la cui proposta è stata definita dal premier Matteo Renzi «importante».
Il ministero dello Sviluppo economico o Mise ha spiegato in una nota di aver autorizzato, il 3 dicembre, il commissario Piero Nardi ad accettare l’offerta presentata dalla stessa Cevital per l’acquisto dei rami d’azienda Lucchini Piombino, Lucchini Servizi e Vertek Piombino; e delle azioni (il 69,27%) di Gsi Lucchini.
«Fin da subito, Cevital assumerà alle proprie dipendenze 1.860 lavoratori», si è avuto modo di leggere nel comunicato.
Per Renzi, in visita ufficiale ad Algeri, «la proposta di Cevital è importante. Attendiamo gli ultimi passaggi formali, ci prepariamo ad accogliere gli investitori algerini in Italia».
L’intero complesso di Piombino impiega oltre 2.000 persone e può produrre 2,5 milioni di tonnellate di acciaio all’anno e per rilevare Lucchini si era già fatto avanti il gruppo indiano Jsw.
Il secondo produttore siderurgico italiano, appartenuto in precedenza alla russa Severstal, è stato dichiarato insolvente nel 2012 e poi posto sotto «amministrazione straordinaria», una procedura prevista per salvare le grandi aziende evitando un’emorragia di posti di lavoro.
Cevital prevede di rilanciare la produzione di acciaio mediante «la realizzazione di due forni elettrici ed altri investimenti nell’attività siderurgica, accompagnati dallo sviluppo di nuove iniziative industriali in ambito agro-alimentare e logistico, con investimenti previsti di circa 400 milioni di euro e prospettive, a regime, di pieno riutilizzo del personale Lucchini e Lucchini Servizi», ha nuovamente riportato la nota ufficiale.
Anche la sigla sindacale Uil siè dichiarata soddisfatta del passaggio di mano del polo siderurgico in mani algerine.
«Bene il programma d’investimenti messo a disposizione dell’acquirente per la prospettiva del sito e bene l’assunzione dei 1860 addetti», ha commentato infatti Mario Ghini, segretario nazionale della Uilm.

(Fonte: Reuters Italia)

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati