In buona salute l’Europa delle macchine utensili

(da: emte-eastpo.com)

(da: emte-eastpo.com)

Con esportazioni giunte a toccare l’80% dei fatturati complessivi l’industria europea delle macchine utensili resta altamente competitiva. Lo ha sostenuto con un recente comunicato l’associazione continentale del settore Cecimo, secondo la quale il valore totalizzato lo scorso anno dai costruttori di machine tools è pari a 22,8 miliardi di euro mentre la domanda, trainata da un numero di nazioni dell’Unione, è salita del 2%.
Pur appellandosi alla politica oltre che agli imprenditori perché agiscano in modo da consolidare questa positiva tendenza Cecimo considera che ulteriori possibilità di incremento delle esportazioni e chance di business possano arrivare a breve dalla partecipazione a Emte-Eastpo, fiera internazionale del comparto in programma a Shanghai in Cina dal 14 al 17 luglio prossimi.
Anche perché, nonostante il quadro complessivo tutto sommato roseo, è pur vero che le vendite globali di macchine utensili realizzate dai membri di Cecimo hanno subito nel 2013 una lieve flessione (-3% per 18,2 miliardi di euro).
Le consegne entro i confini dell’eurozona hanno invece ripreso a crescere dopo la contrazione del 2012, aumentando di due punti, e un identico percorso di ascesa è atteso nel 2014 grazie all’impulso che una varietà di aziende sta dando all’innovazione e al miglioramento delle tecnologie in uso. Sono scese le importazioni (-5% per 8 miliardi di euro); e gli ordinativi hanno a loro volta ripreso slancio attestandosi nel quarto trimestre del 2013 a +6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati