Ilo: nel lavoro domanda e offerta faticano a incontrarsi

(da: Worldmaritimenews.com)

(da: Worldmaritimenews.com)

Tra il 25 e il 45% dei lavoratori in Europa è sovra o sotto qualificato per il tipo di lavoro svolto, il che porta a un sostanziale ‘mismatch’ tra offerta e domanda di lavoro. Emerge da un nuovo studio di Ilo (Organizzazione internazionale del lavoro). Lo studio esamina 24 Paesi europei dove, con differenze marcate da paese a paese, si riscontra un diffuso divario tra competenze reali dei lavoratori e quelle effettivamente richieste per svolgere il loro lavoro. In nove paesi europei, oltre il 25% dei lavoratori è sotto-qualificato. In Portogallo, questa cifra supera addirittura il 50%.
Nel 2012, la percentuale di lavoratori sovra-qualificati si aggirava intorno al 10-20% nella maggioranza dei paesi per i quali sono disponibili dati, benché vi siano forti differenze. Nei Paesi Bassi, Polonia, Portogallo e Svizzera, ad esempio, i lavoratori sovra-qualificati sono meno del 6%, ma questa cifra supera il 20% a Cipro e in Russia. Mentre il numero dei sovra-qualificati è cresciuto tra il 2002 e il 2012, quello dei sotto-qualificati è sceso nella maggior parte dei paesi. In questo arco temporale, la percentuale dei lavoratori sovra-qualificati è cresciuta di 3,6 punti percentuali, il che riflette in parte l’impatto della crisi economica globale. Solo quattro paesi – Irlanda, Israele, Polonia e Slovenia – hanno registrato un tendenza al ribasso degli sovra-qualificati. Allo stesso tempo, la percentuale dei sotto-qualificati si è ridotta di circa 9 punti percentuali tra il 2002 e il 2012.
Tra i lavoratori sovra-qualificati, le donne e i giovani sono sovra rappresentati. Lo studio attribuisce questo dato a diversi fattori, tra cui le pressioni sulle donne per conciliare lavoro e vita familiare, maggiore rappresentanza delle donne in forme di lavoro non standard e, in alcuni casi, la discriminazione sul posto di lavoro. La percentuale relativamente elevata in forme di lavoro non standard spiega anche perché i giovani sono meno colpiti dal problema della sotto-qualifica e, più spesso, sono sovra-qualificati per il lavoro svolto rispetto agli adulti.
«Fornire ai lavoratori le competenze non è sufficiente, se queste non corrispondono a quelle richieste dai datori di lavoro. Lo studio invita i governi e le parti sociali a creare servizi di collocamento efficienti e opportunità di formazione, nonché a rafforzare le relazioni tra scuola e formazione da un lato e mondo del lavoro dall’altro», ha affermato Theo Sparreboom, autore dello studio dell’Ilo.
Secondo l’esperto dell’Ilo, sistemi di apprendistato di qualità per i giovani, che colleghino la scuola e la formazione sul posto di lavoro, sono parte della soluzione: «Questi sistemi richiedono un efficace dialogo sociale tra governi e parti sociali, condivisione dei costi tra pubblico e privato e servizi per l’impiego efficienti».
«In più, l’innovazione tecnologica alimenta la domanda di competenze nel mercato del lavoro. Alti livelli di istruzione sono solo parte della soluzione, e la formazione permanente sta diventando indispensabile. In molti paesi, sono necessarie riforme dei sistemi di istruzione e di formazione professionale per rendere possibile la formazione permanente per tutti», ha concluso.

(da: Adnkronos.com)

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati