Horizon 2020: dall’Europa i finanziamenti per le imprese

(da: bresciaoggi.it)

(da: bresciaoggi.it)

Il programma europeo per le Pmi è lo strumento finanziario con cui l`Unione Europea mette a disposizione contributi a fondo perduto a sostegno di aziende che sviluppano innovazione (di prodotto, di servizio, di processo o di modello di business) al fine di guadagnare competitività. I progetti devono avere caratteristiche di originalità ed un alto livello di innovazione.
L`agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto a copertura del 70% dei costi ammissibili per i progetti, cioè le spese di personale, viaggi e trasferte, consulenze esterne, acquisto di beni o materiali direttamente connessi all`attuazione del progetto, più una quota forfettaria riconosciuta per le spese generali (pari al 25% del totale dei costi diretti).
Il Programma Pmi finanzia progetti che sviluppano innovazione di prodotto, di servizio, di processo o di modello di business e focalizzati su un ampio spettro di temi che rientrano tra quelli identificati all’interno dei bandi tematici di Horizon 2020 e che includono applicazioni delle tecnologie dell’informatica e delle comunicazioni; nuovi materiali e nano-tecnologie; nuove metodologie produttive, manufatturiere e di processo (fabbrica del futuro); biotecnologie, biomarcatori, device diagnostici e medicali; tecnologie per la sicurezza e la protezione di infrastrutture critiche; trasporti; eco-innovazione e sfruttamento sostenibile delle materie prime; energia, efficienza energetica, fonti rinnovabili; produzione agroalimentare efficiente ed eco-sostenibile.
I progetti possono essere proposti da PMI singole o in partnership ed è possibile concorrere per una prima fase, presentando una breve bozza di idea progettuale e di business plan (se considerata meritevole di supporto godrà di un contributo forfettario di 50 mila euro). Per questa Fase 1 vi sono disponibilità finanziarie limitate (25 milioni di euro per le idee progettuali presentate nel 2014 e 29 milioni per il 2015).
Nel caso in cui l’innovazione proposta sia già pronta per essere declinata in documento progettuale completo di fasi, tempi e costi, è possibile concorrere direttamente per la Fase 2 del Programma, che mette a disposizione contributi a fondo perduto che vanno da 500 mila a 2,5 milioni di euro per progetto. Per i progetti Fase 2 presentati entro il secondo semestre del 2014, la dotazione finanziaria del Programma Pmi è pari a poco più di 220 milioni di euro. Ulteriori 264 milioni verranno erogati per i progetti presentati nel corso del 2015.
Il bando è sempre aperto e la durata dei progetti dovrà essere compresa tra uno e due anni.
Csmt, il Centro servizi multisettoriale e tecnologico di Brescia, collabora con l’Associazione industriale bresciana per presentare queste iniziative: la collaborazione nasce con l’intento di fornire un feedback sulla qualità del progetto e sulla sua fattibilità, sull`opportunità di presentare il progetto da sola o con altri partner europei, onde evitare inutili sprechi di tempo e risorse economiche. Ed è infine essenziale capire le reali possibilità di successo rispetto all`opportunità di presentarsi o meno in una delle due Fasi previste dal bando Pmi.
La Fase 2 richiede non solo di disporre di un’idea progettuale originale, ma anche di essere in grado di declinarla secondo un progetto strutturato in obiettivi, tempi, fasi e impatti di business, oltre che di eventuale (e consigliabile) partnership. Con l`obiettivo di alzare il livello di probabilità di accesso ai fondi europei, è quindi necessaria una attenta analisi preliminare.
Per maggiori informazioni è possibile scrivere a: commerciale@csmt.it.

(fonte: csmt.it)

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati