Flessibilità e personalizzazione in primo piano

Da sempre sinonimo di qualità e affidabilità, una realtà molto snella e versatile che si caratterizza per la flessibilità e la grande capacità di personalizzare sistemi ad hoc per il cliente.

Francesco Savelli, presidente e amministratore delegato di Savelli Technologies Srl, ha risposto alle nostre domande.

Francesco Savelli

Qual è la strategia operativa con cui la vostra azienda si muove sul mercato attuale?

Recentemente il 55% delle azioni della Savelli Technologies Srl (Savelli) è stato acquistato dal gruppo tedesco Küttner, per noi oggi il partner industriale e finanziario ideale: ho scelto infatti un Gruppo prestigioso e storico, che fattura circa € 200ML, per poterne fare parte e accedere al suo network di vendita a livello mondiale, dato che Küttner conta sussidiarie in Brasile, USA, Germania, Francia, Cina e Sud Africa, oltre a diverse realtà sinergiche alla nostra. Con la sua attiva presenza, Savelli completa il portafoglio prodotti del Gruppo, che oggi può così realizzare fonderie complete “chiavi in mano”, attraverso soluzioni che vanno dalla fusione alla formatura, al raffreddamento, alla gestione dei getti.

Quali sono i punti di forza che maggiormente contraddistinguono la vostra realtà?

I fattori distintivi che più ci caratterizzano sono senz’altro rappresentati dalla flessibilità e dalla grande capacità di personalizzare sistemi ad hoc per il cliente. Siamo infatti una realtà molto snella e flessibile, con una grande abilità nella progettazione e installazione di macchine altamente personalizzate e dalle elevate prestazioni, per le fonderie che utilizzano il processo di formatura Green Sand e che producono getti di ghisa, acciaio e alluminio. In particolare, Savelli è presente sul mercato globale come nuovo fornitore di linee automatiche di formatura orizzontale in staffa e di impianti di preparazione e recupero terra. Le nostre linee di formatura, grazie alle sofisticate tecnologie di movimentazione delle forme di cui sono dotate, offrono prestazioni al top.

Macchine Savelli e Küttner

Come si sviluppa la vostra filosofia aziendale? Qual è la mission che vi siete posti?

Nostro obiettivo primario è quello di continuare ad affermare l’importanza e il prestigio del marchio storico Savelli, la cui attività ha avuto inizio nel lontano 1842 in una bottega per la lavorazione del ferro. Intendiamo infatti ribadire la forte presenza del nostro marchio sul mercato internazionale, mantenendo e sottolineando tutta la qualità caratteristica del “Made in Italy”.

Innovazione e qualità: quale significato hanno per voi questi fattori e come li interpretate?

Nonostante il nostro sia un settore ormai “maturo” da tempo e purtroppo subisca oggi l’influenza negativa dei costruttori nei Paesi low-cost, non ci spaventano le sfide e non ci fermiamo davanti a esse, continuando a mantenere la costruzione a Brescia e a innovare con le tecnologie più avanzate. Il nome Savelli continua a essere sinonimo di qualità e affidabilità, e la fiducia conquistata negli anni si basa sul forte impegno e sul duro lavoro, che si riflettono negli ottimi rapporti instaurati con i clienti.

Che ruolo ha nel quadro delle vostre dinamiche operative l’attività di Ricerca & Sviluppo?

La sua importanza è senza dubbio sostanziale ed è alla base di ogni evoluzione e progresso della nostra attività. Va detto tuttavia che in tale ambito dobbiamo purtroppo destreggiarci da soli e contare solo sulle nostre forze, senza il sostegno di alcun incentivo esterno, reale e consistente, che possa agevolarci in questo importante ambito operativo.

Quali prevalenti necessità esprime oggi la vostra clientela e quali soluzioni offrite in risposta?

Oggi la clientela è diventata sempre più esigente in termini di qualità e di performance superiori, ma con parametri di costi difficilmente sostenibili a causa dei raffronti con i fornitori/competitor asiatici o supportati da fondi multinazionali. Come già detto, tuttavia, le sfide non ci spaventano di certo, e grazie alle capacità di progettazione di Küttner e alla sua piattaforma globale, siamo in grado di offrire sempre nuovi processi e nuove soluzioni ad alto contenuto tecnologico, con un portafoglio prodotti ampio e completo.

Come si articola e si caratterizza la vostra offerta di macchine e impianti per fonderie?

Savelli continua a mantenere il suo storico core business, rappresentato dalla progettazione e realizzazione di macchine e impianti di fonderia per la preparazione e il recupero della Terra a Verde e per la formatura orizzontale in staffa. Con Küttner, inoltre, abbiamo tutta la tecnologia vibrante (Küttner Schwingtechnik GmbH) e fusoria, oltre alla grande capacità progettuale e di general contracting. Più nello specifico, per quanto riguarda gli impianti terra realizziamo: impianti completi di preparazione, distribuzione e recupero della terra; sili e tramogge; sistemi di trasporto pneumatico per terra e additivi; setacci poligonali da 10-400 t/ora; elevatori a tazze, con tazze in nylon installate su nastri in gomma, per 30-400 t/ora; nastri in gomma di trasporto e scarico da 400-1400 mm; raffreddatori terra da 40-350 t/ora; molazze da 40-240 t/ora; Savelli Aquatest e Sandcontrol; tamburi rotanti per raffreddamento terra e getti; trasportatori metallici Apron. Per quanto concerne invece gli impianti di formatura, realizziamo formatrici e linee di formatura dalle più diverse dimensioni e capacità operative, macchine singole e impianti completi, modernizzazione ed estensione di impianti esistenti, sostituzione dei vecchi sistemi di trasporto idraulici con sistemi elettro-meccanici, ramolatori automatici, sistemi di raffreddamento della motta in cassoni (cassoni in acciaio), e altro ancora.

Quale può essere considerato il “fiore all’occhiello” della vostra attività?

Il sistema Formimpress di compattazione della forma ad alta pressione e doppia pressata. Il concetto di questo sistema ha avuto origine dalla costante e attenta considerazione delle difficoltà normalmente incontrate nell’ottenere una formatura sufficientemente accurata per raggiungere getti dalla più alta precisione, capaci di accogliere le crescenti richieste del mercato. Il sistema Formimpress è particolarmente semplice: non richiede infatti macchine speciali o apparecchiature costose, e tantomeno tecnici con speciale addestramento, ma consiste in una semplice impressione del modello nella terra di formatura contenuta nella staffa. Alle forze che si sviluppano durante la fase di pressata viene opposta resistenza mediante una forza contrastante. Siamo approdati a questa soluzione dopo un’accurata prova di diversi sistemi di formatura presso le fonderie di tutto il mondo e dopo approfonditi colloqui con i fonditori circa i loro problemi di formatura. Il sistema di formatura Formimpress è adatto alla produzione di tutti i tipi di forme per getti di ghisa, di acciaio, in metallo non ferroso e alluminio. Grazie alle sue particolari caratteristiche, è particolarmente adatto per getti impegnativi che fino a oggi si pensava potessero essere ottenuti mediante una precompressione con l’ausilio d’aria compressa e sottovuoto. Con Formimpress questo compito viene svolto invece in modo silenzioso e con un basso dispendio di energia. Questo sistema, inoltre, non avendo bisogno di valvole o ugelli per l’entrata e lo scarico di gas o aria, non comporta alcun costo relativo a manutenzione e pezzi di ricambio.

Il team Savelli

In che termini contribuite a incrementare la produttività e la competitività delle fonderie che si rivolgono a voi?

Il nostro apporto all’incremento di produttività delle fonderie, e conseguentemente della loro competitività, si concretizza nella fornitura di sistemi di movimentazioni elettro-meccanici, visto che abbiamo oramai abbandonato l’idraulica a olio, di sistemi in grado di ridurre i consumi energetici e di aumentare le performance produttive, nonché di sistemi di gestione e supervisione ad hoc, molto dettagliati, che soddisfano in modo tangibile le attuali esigenze delle aziende.

Quali servizi mettete a disposizione dei clienti e come siete organizzati in tale contesto?

Offriamo un efficiente e accurato servizio di teleassistenza continua per i nostri clienti, ovunque si trovino. Grazie alla rete Küttner stiamo inoltre incrementando il service locale in ogni Paese in cui sono presenti le nostre macchine e i nostri impianti.

Come vi muovete in tema di formazione e aggiornamento del personale, vostro e della clientela?

Non appena ci è possibile e i nostri impegni lavorativi ce lo consentono, organizziamo training interni di formazione e aggiornamento. Recentemente, ad esempio, abbiamo ultimato un corso interno per la progettazione in 3D avanzata, che è divenuta ormai un nostro standard operativo rispetto al passato. Per quanto riguarda invece i nostri clienti, svolgiamo training continuativi presso le loro sedi, per l’avviamento e l’utilizzo ottimale di macchine e impianti.

Per finire, come valutate l’attuale andamento del mercato in cui operate e quali sviluppi ipotizzate?

Il mercato attuale è caratterizzato da una diffusa instabilità, tant’è che persino la Cina è oggi in sofferenza, e solamente il settore automotive mantiene performance adeguate e sostiene l’industria. In quanto al futuro, in una simile situazione è quindi praticamente impossibile avanzare previsioni realistiche.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2018 Tutti i diritti riservati