Intervista

Esperienza e tecnologia

Tradizione artigianale e nuove tecnologie si fondono in questa azienda, per affrontare le sfide imposte dal mercato.

Paolo Avella, titolare della Modelleria Avella

 

Come valuta l’andamento del settore fonderia e quali evoluzioni si sente di ipotizzare?

Per il settore delle fonderie gli ultimi anni hanno rappresentato un indubbio momento di crisi, con una significativa contrazione di volumi per il settore stesso e il suo indotto. Parlare oggi di evoluzioni può sembrare poco realistico, tuttavia posso ipotizzare, o meglio auspicare, che si possa giungere alla consapevolezza che solo con l’aggregazione tra imprese caratterizzate da sistemi di qualità tipicamente italiani si riesca a migliorare la performance del settore.

 

Quali sono oggi le esigenze che più emergono nel vostro contesto operativo?

Oggi tutti i clienti richiedono servizi personalizzati, realizzati in tempi sempre più ristretti e a costi competitivi. Noi cerchiamo di rispondere con un metodo che, grazie ai processi del sistema di qualità, ha standardizzato tutte le procedure produttive; abbiamo introdotto sistemi di controllo con apparecchiature laser di ultima generazione, puntato su sistemi informatici di realizzazione e sviluppo di prototipi e stampi e investito in macchinari tecnologicamente avanzati, per garantire rispetto dei tempi, precisione delle lavorazioni e costi corrispondenti alle aspettative della clientela.

Su quali punti fermi si basa la vostra filosofia operativa?

Naturalmente l’attenzione al cliente, la formazione delle risorse umane, l’attenzione alla qualità e il miglioramento tecnologico. Non manca però una visione etica dell’impresa, con il rispetto dei diritti di tutti i lavoratori, il rispetto dell’ambiente e il sostegno a progetti che possano trasferire benefici al territorio.

Tradizione artigiana e tecnologie avanzate. Come si conciliano nell’ambito della vostra attività?

L’occhio dell’artigiano e la sua manualità possono fornire soluzioni progettuali che spesso riducono i tempi di produzione o addirittura semplificano i processi produttivi. Ma oggi la sola visione artigiana non è sufficiente; seguire le nuove tecnologie è diventato perciò fondamentale per garantire la stessa sopravvivenza dell’azienda. Gli investimenti effettuati per implementare i software di progettazione e modellazione e quelli in macchinari avanzati e in scansione laser 3D, uniti alla mano abile delle nostre risorse umane, trovano sostegno nella fidelizzazione dei nostri clienti, per i quali oggi siamo soprattutto dei partner.

Quali tipologie di modelli realizzate?

Realizziamo stampi e modelli in legno, polimeri, alluminio e master model per fibra di carbonio, punti di scambio per le ferrovie, forniture stradali, componenti per industria automotive e agricoltura, zavorre per carrelli elevatori e, infine, realizzazioni artistiche per musei.

Quali servizi offrite alla clientela?

Il nostro settore progettazione e sviluppo, grazie ad avanzati programmi di modellazione in CAD-CAM, può realizzare progetti in 3D utilizzabili in tutto il processo produttivo. Con l’acquisto nel 2011 di un braccio con testa laser ci siamo dotati di un sofisticato sistema di rilevazione, sviluppo e controllo della produzione in grado di soddisfare le richieste più esigenti. Inoltre, possiamo realizzare il reverse engineering di qualsiasi oggetto e, con l’ultimo investimento effettuato, una fresa a 5 assi, possiamo aumentare la gamma delle realizzazioni e ridurre ulteriormente i tempi di consegna.

Come avete conquistato la fiducia della clientela?

Molti clienti ci seguono da tanti anni, da quando piccolo artigiano del Sud avevo soltanto la mia bottega e la mia abilità manuale. La fiducia ha continuato ad alimentarsi grazie alla disponibilità reciproca, a un servizio estremamente personalizzato, all’assistenza anche post-vendita e oggi, in questo momento difficile, anche alla comprensione e accettazione dei sacrifici che ci vengono richiesti per poter continuare a essere operativi.

Risparmio energetico e rispetto per l’ambiente: come vi muovete in tale direzione?

Nel 2007 abbiamo investito nella realizzazione di un impianto fotovoltaico e di un impianto d’illuminazione a basso consumo, grazie al quale abbiamo potuto risparmiare circa il 25% nei consumi energetici, con benefici diretti anche sul costo finale dei prodotti.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati