Croazia, una possibile partner europea per il made in Italy

Panoramica di uno fra i più recenti incontri organizzati da ACCOA.

Panoramica di uno fra i più recenti incontri organizzati da ACCOA.

In programma presso la Sala dei tessitori di piazza Oberdan a Trieste, venerdì 11 aprile prossimo a partire dalle 9.30, c’è il convegno intitolato Italia-Croazia 2014: relazioni, sfide e opportunità nell’Europa a 28. Organizzata da ACCOA, l’Associazione delle Camere di Commercio per l’Europa Centrale che da quasi sessant’anni promuove le relazioni economiche tra l’Italia e i Paesi dell’Europa centro-orientale, l’incontro si concentrerà su temi di interesse per l’industria di qualunque settore: dai bandi finanziati dall’Unione Europea ai nuovi progetti culturali ed economici e dalle opportunità alle sfide dei nuovi scenari, fra possibilità di collaborazione e scambio e strategie per fare fronte alle difficoltà del presente. Oltre a salutare la presenza del presidente del consiglio regionale Friuli Venezia Franco Iacop, e dell’ambasciatore della repubblica Croata in Italia Sua eccellenza Damir Grubiša, il convegno triestino vedrà la partecipazione del segretario generale di ACCOA Valerio Fratelli, del segretario generale di Unioncamere Veneto Gian Angelo Bellati, dell’assessore alla Cooperazione internazionale per la Contea Istriana Oriano Otocan e ddel presidente per i Dialoghi europei Giorgio Rossetti, oltre che in qualità di moderatore del presidente di ACCOA e segretario di FImest Gian Carlo Damir Murkovic.
Di particolare interesse per l’industria nazionale i conributi di Otocan sull’esperienza croata nella progettazione e quello sugli aspetti tecnici legati alla programmazione curato da Bellati.
Per informazioni ed iscrizioni, gratuite, è necessario scrivere a info@accoa.it.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2018 Tutti i diritti riservati