Colosio sempre più verticale con gli investimenti di fine 2014

colosioIl produttore di macchine e accessori per la pressofusione bresciano Colosio, sul mercato dal 1971, ha recentemente diffuso un comunicato ufficiale dedicato all’acquisizione, nell’ultimo periodo dell’anno appena concluso, di una alesatrice realizzata dal costruttore specializzato Alesamonti, società varesina in attività da più di mezzo secolo.
«La nuova alesatrice, dotata di cambio utensile robotizzato, permetterà un ulteriore miglioramento qualitativo delle lavorazioni meccaniche con precisioni ancora più elevate», si è potuto leggere nel comunicato di Colosio, «oltre che a un’ottimizzazione dei tempi di lavorazione e soprattutto di set-up grazie ai sistemi di cambio rapido della tavola e di azzeramento utensile in macchina».
Colosio, che vanta qualcosa come 1.500 macchine installate in circa 40 Paesi nel mondo, ritiene in virtù di questo nuovo investimento di poter confermare la sua vocazione di azienda verticale, cioè pressoché «unica nel panorama internazionale» perché «capace di produrre i suoi macchinari internamente dalla A alla Z, ovvero non solo assemblando semplicemente la parte meccanica ma fabbricando tutti i pezzi al suo interno. Una vera e propria controtendenza rispetto ai trend di mercato che hanno portato molte aziende a concentrarsi esclusivamente sul core-business esternalizzando tutte le altre attività».
Il fornitore con sede a Botticino Sera ha sottolineato invece la diversità della sua filosofia operativa, che prevede la «realizzazione completa del macchinario senza disperdere il know-how presso fornitori esterni talvolta non in grado di rispondere agli elevati requisiti qualitativi richiesti».
Poiché «solo in questo modo è possibile garantire precisione ed affidabilità per un prodotto finale sempre migliore, unendo al tempo stesso la capacità di adattarsi alle esigenze di personalizzazione dei clienti e la flessibilità di adattare i propri piani di produzione alle esigenze del mercato senza dipendere da aziende esterne».

 

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati