Bmw incrementa la sua capacità in Cina

Fonti di informazione internazionali hanno riportato l’intenzione da parte di Bmw di raddoppiare la capacità dei suoi impianti cinesi per la produzione di motori con una mossa che punta a ridurre le distanze dalla principale rivale occidentale sul territorio e cioè il gruppo Audi. Bmw dovrebbe come di consueto agire in partnership con l’alleata in joint venture Brilliance China Automotive Holdings calcolando di poter realizzare qualcosa come 400 mila motori l’anno presso i suoi impianti di Shenyang e il piano industriale allo studio include anche il potenziamento delle attività fusorie all’ombra della Muraglia. Per dare un’idea dei numeri su cui si gioca in Cina la partita fra Audi e Bmw basti pensare che lo scorso anno la prima ha venduto 492 mila veicoli con un incremento del 21% in volumi; la concorrente bavarese ne ha consegnati 391 mila segnando un +20%. Con sede nel distretto di Tiexi a Shanyang l’impianto di Bmw si colloca accanto a una preesistente struttura dello stesso brand e rimpiazzando un più datato stabilimento dovrebbe produrre motori a benzina a quattro cilindri per autovetture realizzate nella Repubblica popolare a partire dal 2016, quando il suo output dovrebbe esser pari a 200 mila pezzi l’anno.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2018 Tutti i diritti riservati