Assofond presente a Made in Steel col programma “Fonderia 2030”

Una panoramica di uno fra i più recenti incontri organizzati da Assofond (da: ecodellevalli.tv)

Una panoramica di uno fra i più recenti incontri organizzati da Assofond (da: ecodellevalli.tv)

L’associazione che riunisce le aziende italiane del settore fusorio Assofond ha annunciato per il prossimo venerdì 22 maggio alle 9 (per quel che riguarda la sezione privata) e alle 11 (parte pubblica) l’assemblea-convegno Fonderia 2030, impresa sempre più responsabile: La nostra filiera nella rinnovata sfida globale destinata ad aver luogo nel contesto della manifestazione Made in Steel, in programma a Rho-Milanofiera dal 20 al 22 maggio.
Ospitato presso la Siderweb Conference Room allo Stand Q17 del Padiglione 8, l’incontro sarà aperto dall’introduzione di Emanuele Morandi, presidente della stessa Siderweb e amministratore delegato di Made in Steel, il quale è atteso a presentare i risultati della ricerca Industria e Acciaio 2030. Innovazione, sostenibilità e distribuzione: come cambierà il  volto della siderurgia nei prossimi 15 anni, concentrato sulle principali tendenze dei panorami siderurgico e della fonderia.
Sul rostro dei relatori anche il founder di FARO – The International Commodities Club Paolo Kauffmann, la cui analisi è come di consueto focalizzata sugli andamenti delle principali materie prime industriali.
Centrale è altresì l’analisi dei processi decisionali strategici all’interno delle imprese, tema sempre più caldo in un mondo che richiede rapidità nelle scelte, ma entro il quale gli orientamenti delle aziende sono giocoforza influenzati da una molteplicità crescente di elementi di segno diverso.
La teoria dei giochi applicata all’economia e all’organizzazione industriale saranno perciò le direttrici dell’intervento di Gianfranco  Gambarelli, ordinario dell’università degli Studi di Bergamo, pronto a illustrare «la validità di tale strumento per l’analisi di situazioni competitive da parte della  figura dell’imprenditore, attraverso l’applicazione della teoria dei giochi a uno specifico contesto economico settoriale».
A seguire, e con un focus specifico sulle opportunità di collaborazione in rete all’interno della supply chain della fonderia e della lavorazione dei metalli, la prolusione di Massimo Beccarello, responsabile di Confindustria per Sviluppo, Energia e Ambiente, professore associato di Economia applicata a Milano-Bicocca.
In chiusura, la tavola rotonda Filiera e ricette per il  futuro «tratterà casi-studio esemplari di iniziative di successo che saranno testimoniati grazie al contributo di alcuni imprenditori della filiera produttiva e della catena del valore del getto».
Per ulteriori informazioni sull’agenda dei lavori e le modalità di partecipazione è consigliabile una visita al sito ufficiale di Assofond.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati