Acciaierie Bertoli Safau punta (ancora) sulla sostenibilità

unnamedL’azienda specializzata nella produzione di acciai speciali di qualità con sede a Pozzuolo del Friuli (Udine) Acciaierie Bertoli Safau, ha investito negli ultimi anni oltre 50 milioni di euro in progetti di sostenibilità, finalizzati a ridurre gli impatti del processo produttivo sul territorio circostante.
Un caso di eccellenza per il settore siderurgico, che ha portato l’azienda ad una riduzione del 27% dei consumi idrici per ora lavorata, una riduzione del 14% del consumo energetico e circa 40.000 quote di CO2 risparmiate. L’intero ciclo produttivo ABS è gestito in maniera sostenibile: l’azienda infatti utilizza come materia prima rottami metallici riciclati e riesce a indirizzare al recupero e al riutilizzo oltre l’80% dei rifiuti prodotti.
Il progetto di sostenibilità di Acciaierie Bertoli Safau (o: Abs) non rimane però confinato all’interno dello stabilimento, ma va a coinvolgere anche tutto il territorio circostante. Tra gli interventi di questo tipo vi sono le Colline di mitigazione ambientale costruite negli ultimi anni attorno agli stabilimenti produttivi. Realizzate a partire dal recupero delle scorie di acciaieria, opportunamente trattate, queste opere hanno portato ad un miglioramento dell’impatto degli stabilimenti sul piano paesaggistico e ambientale.
Dopo uno studio geologico preliminare sull’area coinvolta, il progetto delle opere di mitigazione è stato presentato per approvazione alle autorità competenti nel 2007 e – ottenute tutte le autorizzazioni necessarie – è passato alla fase operativa nel maggio 2010.
Le colline sono state realizzate con scoria siderurgica previa stabilizzazione e solidificazione. La scoria siderurgica è assimilata alle rocce naturali effusive di origine vulcanica (come ad esempio il basalto) e consiste principalmente in una miscela ternaria di calce, silice e ossido di ferro.

Dalle analisi preliminari alla metodologia di realizzazione
La tecnologia di stabilizzazione/solidificazione utilizzata era nota, ma sono state comunque effettuate analisi di laboratorio preliminari. Per la stabilizzazione e solidificazione delle scorie siderurgiche sono stati utilizzati additivi quali: solfuro di sodio (bloccante), cemento (solidificante), silicato (indurente/legante), acqua (fluidificante) e anidride carbonica (correttore di pH). Durante tutte le fasi operative sono state condotte delle analisi specifiche sulla base di quanto previsto dal Protocollo ARPA per ogni lotto di scoria trattata, per un totale di 265 lotti: verifiche sui campioni di materiali di partenza, verifiche analitiche sui campioni stabilizzati e infine prove geotecniche dopo la modellazione dei materiali.
Una volta modellate secondo progetto, lungo il lato sud e il lato ovest degli stabilimenti, le colline sono state ricoperte con terra vegetale e sono state oggetto di opere di inerbimento e piantumazione alberi. Dopo una fase di collaudo, le colline di mitigazione sono state inaugurate ufficialmente lo scorso 30 maggio 2014 con un evento aperto ai cittadini.
La realizzazione delle colline di mitigazione, assieme alla piantumazione di un bosco donato alla popolazione, ha portato ad un notevole miglioramento del paesaggio. Le nuove barriere hanno inoltre consentito un abbattimento di oltre 2 decibel delle emissioni sonore, a vantaggio dei cittadini residenti nelle immediate vicinanze dell’acciaieria.
Per quanto riguarda i benefici per l’ambiente e il territorio, le opere di mitigazione hanno consentito di riutilizzare in maniera sicura ed efficiente le scorie prodotte all’interno dello stabilimento, riducendo il consumo di risorse naturali e minimizzando il volume dei rifiuti destinati alla discarica, attraverso un percorso virtuoso di valorizzazione della scoria, che diventa da problema a risorsa. Al fine di migliorare ulteriormente l’effetto della mitigazione paesaggistica, è in programma per i prossimi anni il prolungamento della collina sud.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Fonderia © 2017 Tutti i diritti riservati